Tuttora mi è difficile capire, ma ho imparato ad accettare

Emma

da Treviso in Cile per un anno

Io sono Emma, il 2 Agosto sono arrivata nella mia famiglia ospitante cilena e, senza perdere troppo tempo, il 4 Agosto ho iniziato la mia esperienza scolastica.

In Italia frequento un istituto tecnico economico, indirizzo relazioni internazionali e marketing: economia aziendale, diritto, relazioni internazionali, tedesco… Rimaniamo sempre nella stessa sala, con gli stessi compagni, e sono i professori a spostarsi. Faccio al massimo 6 ore di scuola, e nel peggiore dei casi torno a casa alle 3 del pomeriggio.

NIENTE A CHE VEDERE CON IL CILE!

Infatti, nella mia nuova scuola, tutto è capovolto.

Innanzitutto è obbligatorio indossare la divisa! Alcune regole per me sono state difficili da accettare all'inizio perché le trovavo (e le trovo tuttora, a dire il vero) assurde: ad esempio, non si possono indossare anelli e braccialetti ma gli orecchini sì, anche se non pendenti. Niente smalto alle unghie, e non puoi indossare una sciarpa che non sia rossa, blu, bianca, grigia o nera. Tuttora mi e' difficile capire, ma ho imparato ad accettare.
Io da un giorno all'altro mi sono trovata ad essere: Emma, 3 medio Lancaster, Plan Humanista, Lab arte

El instituto medio, la scuola che frequento, e' diviso in quattro corsi: primero, segundo, tercero y cuarto.

Ogni corso è diviso a sua volta in cinque case: Lancaster, York, London, Bristol e Oxford. Un po' come le nostre sezioni. Noi siamo A, B, C.. qui hanno i nomi alla Harry Potter. Ogni alunno deve scegliere il suo, COME si dice, piano vocazionale: Umanista, Architettura, Scientifico. Allo stesso modo ogni studente deve scegliere un laboratorio: Arte, danza, teatro, musica…

Io da un giorno all'altro mi sono trovata ad essere: Emma, 3 medio Lancaster, Plan Humanista, Lab arte.

Storia cilena, linguaggio, filosofia, educazione fisica sono le materie che svolgo con il mio corso, oltre a chimica, biologia, storia mondiale, e altre ore di linguaggio (in cui si studiano maggiormente i metodi di comunicazione, come ad esempio, in questo periodo, i film). Materie come inglese e matematica sono invece divise per livello: basico, intermedio e avanzato.

Noi studenti dobbiamo spostarci per andare a lezione, e questa scelta è stata presa per avvicinare di più gli studenti, da subito, al sistema applicato all'università in cui appunto bisognerà cambiare sala.

Mangiamo tutti i giorni a scuola e finiamo tutti i giorni alle 16.45, tranne il mercoledì e il venerdì che finiamo rispettivamente alle 4 e alle 2.30. Però il sabato è libero!

A causa/grazie a queste strane divisioni di materie si può dire che ho 4 classe diverse, e questo un po' mi ha aiutato, perché mi ha permesso di incontrare più gente, un po' mi ha penalizzato, perché non essendo sempre a contatto con le stesse persone è stato difficile rafforzare il rapporto con i miei compagni.

Il cileno tipico però è davvero allegro e chiacchierone come si pensa, e i miei compagni non si sono dimostrati da meno. Sono stati da subito super accoglienti, e con il passare del tempo sono riuscita a sentirmi sempre di più a mio agio ed ad aprirmi di più.
Ho capito che il termine "normale" non si riferisce mai alla stessa cosa, dipende da chi è a pronunciarlo

Anche con i professori il rapporto è molto rilassato. Infatti mentre in Italia generalmente il rapporto studente-professore è distaccato, qui è molto più amichevole.

Ci ho messo parecchio ad accettare alcune regole, e a capire del tutto i meccanismi che fanno funzionare questo sistema a scuola. Ho capito che il termine "normale" non si riferisce mai alla stessa cosa, dipende da chi è a pronunciarlo. Per me non è normale qualcosa che per altri lo è assolutamente. Ad ogni modo, con un po' di tempo, e un po' di sforzo, sono riuscita ad adattarmi.

Viaggiate ragazzi, andate ad imparare cosa è normale in Cile, negli Stati Uniti, in Norvegia, in Portogallo, in India, in Messico, in Nuova Zelanda, o dovunque Intercultura vi porti.

Buon viaggio.

Emma

da Treviso in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno alla ricerca di me stessa

    A chi mi domanda qual è stato il fine di questa mia esperienza in Costa Rica, gli posso rispondere, senza esitazione, che lo scopo principale di questo anno è stato per me imparare a conoscermi e a conoscere il mondo, imparare...

    Nahed

    Da Reggio Emilia in Costa Rica per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio fantastico anno in una piccola, grande cittadina del Maine

    Da dove cominciare? Non è facile riassumere 8 mesi come questi in poche frasi. Posso iniziare dicendo che questo è stato sicuramente l'anno più pazzo e fantastico della mia vita, per quanto possa sembrare scontato dirlo!La...

    Elisa

    Da Parma negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Lavoro di squadra

    Oggi è il mio primo giorno di scuola. Alle 7 dovrò già essere là, quindi la sveglia suona alle 5. Almeno per il primo giorno, non voglio essere in ritardo.Indosso la mia uniforme: il tessuto è un po' pesante,...

    Noemi

    Da Como nelle Filippine per un anno

  • Prossima Storia

    Coraggio, determinazione e felicità

    Ciao, sono Chiara, una ragazza sarda e vengo da un paesino, Orani, di circa 3000 abitanti, dimenticato dal mondo e che, soprattutto, ha deciso di intraprendere un'esperienza che la sta segnando tantissimo, positivamente s’intende.Circa...

    Chiara

    Da Nuoro in Norvegia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here